La donna dal taccuino rosso: la fantasia

Taccuino rosso Einaudi

“Si può provare nostalgia per qualcosa che non è accaduto ? Ciò che chiamiamo rimpianti e che riguarda le sequenze delle nostre vite in cui abbiamo la quasi certezza di non aver preso la decisione giusta comporterebbe una variante più singolare, che ci avvilupperebbe in un’ebbrezza dolce e misteriosa: la nostalgia del possibile. La nostalgia dell’incontro con Laure.“

Un libro da farci subito un film. Una bella commedia francese in cui la protagonista è una borsetta che Laurent, un librario sensibile e solitario, trova abbandonata su un marciapiede di Parigi.

Persa? Dimenticata? Rubata? E chi è la proprietaria? Come fare a risalire a lei se non dal contenuto?

La fantasia e la curiosità muovono una storia allegra e poetica dove i personaggi si muovono con leggerezza e ironia e dove nella migliore tradizione romantica tutti i pezzi alla fine si incastrano alla perfezione.

Ogni tanto fa bene crederci.

ANTOINE LAURAIN. La donna dal taccuino rosso. Einaudi.

Related Posts