Chiediamo una legge sul revenge porn

In questi giorni si sta parlando della legge sul revenge porn, che semplicemente vuol dire diffusione delle immagini scattate quando si è fatto sesso. Succede che scatti una foto, fai un video, poi uno dei due per vendicarsi quando ci si lascia, la butta in rete. Non so se ricordate la storia di Tiziana Cantone, che non ha retto e purtroppo ha deciso di togliersi la vita. Il Parlamento giovedì scorso doveva riunirsi per votare una legge che punisca duramente chi diffonde video o foto private sul web, perché non esiste un articolo specifico e invece non è stato votato l’emendamento, è stato respinto dalla maggioranza. Adesso tutti hanno promesso di votarla martedì, allora vediamo, se mantengono la promessa, se non la mantengono domenica tornerò a chiederlo e quella dopo ancora sperando che ci sia qualcuno che dica: “Prima le italiane da qualunque parte de mondo arrivino”.

Related Posts