A Babbo Natale e per copia conoscenza alla befana

Adorato trippone scarlatto portato, portator di panza e di sostanza, uomo grasso tutto spasso, siamo ancora qua anzi siamo più di là che di qua. Io, il balengo e la fata turchina. Gli anni passano e lui invecchia, sopportalo babbo mio è inquieto e vagabondo. Rai tre, Rai Uno, Rai Due e adesso di nuovo Raitre, fallo stare fermo per favore. Saltaci sopra di culo e restaci. Come sta quella befana di tua sorella. Siamo stati molto in pensiero per te, che non sei più di primissimo pelo, hai i trigliceridi altini e come adipe non sei secondo a nessuno.

Una cosa ti chiedo subito, quest’anno puoi venire vestito di un altro colore, perché il rosso qui da noi ormai sta sul culo a tutti. Mettiti dei fuson salmone piuttosto, a costo di somigliare a Tina Cipollari. Ah tra l’altro non ti preoccupare se quando arrivi con la tua slitta volante appese all’albero vedi delle palle enormi, sono le nostre. E fai anche molta attenzione alle canne fumarie, siccome i soldi sono pochi tutti terranno il camino acceso e tutti flambi. Di tante cose abbiamo bisogno ciccio bombo, bombolone, per prima cosa immenso bombolone portaci tanti vaccini, che siano numerosi come le offerte di Poltrone Sofà. E fa che tenerli tu sotto la neve a meno 80 sennò mettili nel frizer leva le bottiglie di vodka amore.

Related Posts