Legge su cognome del padre, la letterina ad Amato

Non è più automatico il cognome. È passata la Legge, Cognome del padre: stop automatismo. Ai figli quello di entrambi i genitori. Bravo questo Amato. Ho preparato una letterina per ringraziarlo. A nome di tutte le donne italiane.

Caro Ama, non inteso come Amadeus e nemmeno come Azienda Autonoma della Nettezza urbana. Carissimo Giuliano, detto Giulipet, Alto rappresentante anzi alto non tanto, stimato rappresentante delle Istituzioni italiane di media altezza a te che col cognome è andata di lusso perché Amato è un bellissimo participio passato. Pensa se ti fossi chiamato odiato. Nessuno ti avrebbe preso sul serio. Pensa Schifani, cosa ha passato nella sua vita.

Ti dico grazie Ama, perché noi siamo un Paese strano, cantiamo “Viva la mamma” e poi come cognome diamo quello del padre. Il destino è nel nome, ma il cognome ancora di più. Grazie Ama perché avete fatto una buona legge. Vuoi sapere quando una legge è buona? Quando aggiunge delle possibilità e non ne toglie nessuna. Così se ti va puoi cambiare, altrimenti fai come hai fatto sempre.

Related Posts